Balcone di Marta, il complesso fortificato – VIDEO

Balcone di Marta, il complesso fortificato – VIDEO

Terminata la Prima Guerra Mondiale, molte nazioni europee rafforzano le proprie frontiere.
Nel 1928 la Francia avvia la costruzione del sistema difensivo della Linea Maginot Alpina, adattando le opere alla conformazione del territorio montuoso.
Nel 1931 l’Italia fascista rafforza le fortificazioni poste sui propri confini, costituendo il Vallo Alpino del Littorio.
Con i suoi 1350 metri di cunicoli, Il Caposaldo Marta diviene l’opera più estesa tra le strutture disposte lungo i 487 km di frontiera italo-francese.
Il video mostra le sue buie gallerie in cemento armato che si snodano nelle viscere della montagna, collegando nel silenzio le postazioni di fuoco, dove le feritoie si aprono su vertiginosi panorami mozzafiato appartenenti a Liguria e Francia.

Balcone di Marta

Ingresso Artiglieria Centro 35

Barcon di Marta

La fortezza è passata in territorio francese col trattato di pace del 10 febbraio 1947 e saccheggiata dalle popolazioni locali dopo l’armistizio.
L’ingresso si raggiunge partendo dai borghi di Verdeggia e Realdo o seguendo l’impervia strada militare sterrata che sale lungo le pendici del Monte Grai, si raggiungono in automobile i Baraccamenti della Marta. Da qui si prosegue a piedi per circa mezz’ora, accompagnati dai fischi d’allarme delle marmotte sempre all’erta, data la presenza delle aquile e dei lupi.
Lungo il cammino è possibile scorgere altre opere sotterranee minori, quali il Centro 1p.

Baracche militari ottocentesche

Le marmotte di Cima Marta.

Centro 4p

Vista l’altitudine di 2122 m s.l.m., il periodo consigliato per la passeggiata va da aprile a fine ottobre: nel periodo invernale le nevicate sono frequenti e copiose.

Per un approfondimento sulle strutture di Cima Marta, visitate il sito di Lorenzo e Luciano Marcon.


Visualizza Liguriainside in una mappa di dimensioni maggiori

 

Share it